Logo Università degli Studi di Milano



 
 
Notizie  

Premio Miglior protocollo sperimentale Medicina Rigenerativa

XII edizione Taobuk Taormina International Book Festival

Dal 16 al 20 giugno 2022 si è svolta a Taormina la XII edizione del Taobuk Festival, un evento che combina scienze, arte e letteratura, e che quest’anno ha visto tra gli ospiti il premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi, il prof. Giuseppe Ippolito (Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma), e il Presidente Sergio Mattarella. Tra i relatori anche due membri del DSBCO, il prof. Giulio Pompilio e il prof. Massimo Del Fabbro. Il progetto interateneo “Regenerative medicine for difficult ulcers and mucosal lesions: bioinspired protocols (Re.Me.Di.U.M.-Bio.Pro.)”, presentato da Massimo Del Fabbro, ha ricevuto il premio per il “miglior protocollo sperimentale” nell’ambito del Contest 2022 – Clinical Research and Innovation. Il progetto è coordinato dalla prof.ssa Carmen Mortellaro di Unicamillus, e vede come partecipanti, oltre ad unimi, l’Università degli studi G. D’Annunzio di Chieti-Pescara, l’Università degli Studi di Camerino, l’Università degli Studi Milano-Bicocca, e il CNR-ISTEC di Faenza. L’obiettivo principale del progetto è quello di mettere a punto tecniche per favorire la rigenerazione della cute e delle mucose in soggetti affetti da malattie dermatologiche di difficile guarigione (tra cui ulcere cutanee e malattie tropicali neglette, prodotte da parassiti e microrganismi), unendo il potenziale rigenerativo dei fattori di crescita e angiogenetici presenti nei concentrati piastrinici autologhi (PRF, PRGF, CGF), con membrane multistrato personalizzate a degradazione controllata (patch cutanei, sviluppati da CNR-ISTEC), in grado di veicolare farmaci specifici (ad es. antibiotici), modulandone la diffusione e al tempo stesso regolando il rilascio del contenuto dei granuli piastrinici nei tessuti circostanti. Il progetto si compone di una fase preclinica dove vengono valutate le proprietà in vitro e in vivo della membrana multistrato composta da polimeri naturali biocompatibili, ed impregnata del concentrato piastrinico (ad es. bagnabilità, cinetica di degradazione e rilascio, attività sui tessuti circostanti, capacità rigenerativa di lesioni cutanee indotte su modello animale), ed uno studio clinico in cui la membrana verrà applicata a pazienti con vari tipi di lesioni dermatologiche e delle mucose, per valutarne l’efficacia e la sicurezza. In seguito, si prevede di estendere la metodica terapeutica sul campo, se possibile esportandola anche nelle regioni ove sono più diffuse le malattie tropicali che coinvolgono cute e mucose, previa adeguata formazione degli operatori sanitari riguardo alla preparazione del concentrato piastrinico, e all’utilizzo delle membrane multistrato.

05 luglio 2022
Allegati alla notizia
Torna ad inizio pagina