Logo Università degli Studi di Milano



 
 

Laboratorio di Chimica Medica  

Responsabile: Prof. Pietro Allevi

PRINCIPALI LINEE DI RICERCA

1          Sintesi di marker biochimici del turnover osseo

La ricerca nata nel 1999 con la prima sintesi della piridinolina è continuata con altri studi su vari metaboliti dei cross-link del collagene utili quali marker dello stato di salute di questa proteina e del turnover osseo e ha interessato la sintesi chimica della desossipiridinolina, della galattosil-idrossilisina, della glucosil-galattosil-idrossilisina, della galattosil-piridinolina e della glucosil-galattosil-piridinolina e la messa a punto di un metodo HPLC per la determinazione contemporanea di questi marker nelle urine.

2          Sintesi di derivati dell’acido sialico

L’ acido salico è un monosaccaride coinvolto in diversi importanti ruoli biologici legati alla interazione fra cellule quali il riconoscimento fra patogeni e cellule ospiti, la metastasi tumorale, l’interazione fra tossine e recettori, la differenziazione e la proliferazione cellulare, le alterazioni tumorali e la formazione del network neuronale. Le ricerche riguardano la messa a punto di protocolli sintetici per l’ottenimento di derivati sostituiti in posizione 2 e 4 con potenziale attività antivirale.

3          Sintesi e determinazione di metaboliti di cannabinoidi sintetici.

I cannabinoidi sintetici sono sostanze che mostrano un'alta affinità per il recettore CB1 dei cannabinoidi che conferisce loro una attività simile a quella della Canapa indiana e rappresentano gli agenti psicoattivi in miscele di erbe (“Spice" o "K2") vendute principalmente attraverso internet a partire dal 2004. Nonostante dal 2010 diversi cannabinoidi sintetici siano vietati in molti paesi, non sono attualmente disponibili test tossicologici per rilevare il loro uso. Scopo della ricerca è di mettere a punto metodi di analisi utilizzabili da laboratori di controllo forensi per consentire il rilevamento di una assunzione illegale di queste sostanze psicoattive.

A causa della loro rapida trasformazione metabolica, queste sostanze non sono rilevabili in campioni biologici e quindi i metodi di analisi devono essere basati sulla identificazione e quantizzazione dei loro principali metaboliti che non sono attualmente ancora stati identificati.

La ricerca riguarderà lo studio del metabolismo di diversi cannabinoidi sintetici, la sintesi chimica dei possibili metaboliti e in collaborazione con il laboratorio di analisi tossicologica del dipartimento (Dr. Gigli e Dr.ssa Caligara) la caratterizzazione cromatografica (GLC e HPLC) e in spettrometria di massa dei metaboliti sintetizzati, per procedere quindi alla messa a punto di un metodo di screening per individuare nelle urine i metaboliti identificati come principali.

Collaboratori

Dott.ssa Paola Rota, dottore di ricerca in Biochimica, titolare di un assegno di ricerca dell’Università di Milano. Coautore di 12 pubblicazioni esclusivamente su riviste internazionali con comitato di referees

Sig.ra Irene Delcarro, tecnico di laboratorio.

Torna ad inizio pagina