Logo Università degli Studi di Milano



 
 

Dottorato in Scienze Odontostomatologiche  

DOTTORATO IN SCIENZE ODONTOSTOMATOLOGICHE

CARATTERISTICHE GENERALI

Il dottorato di ricerca in scienze odontostomatologiche dell’Università degli Studi di Milano è attivo dall’A.A. 2013-2014. Ospita ogni anno da 4 a 6 studenti, con un numero di borse pari ad almeno 4, secondo le risorse finanziarie messe a disposizione dall’Ateneo. Il corso ha una durata di 3 anni, nei quali il dottorando viene affidato ad un tutor che ne cura la preparazione e segue la sua attività nell’ambito delle linee di ricerca concordate, in cui il dottorando è coinvolto. L’accesso al corso avviene mediante una selezione competitiva, basata sulla valutazione della carriera e di un progetto di ricerca presentato dal candidato, e su un colloquio svolto in inglese, riguardante il progetto medesimo. Tale progetto serve soprattutto per la valutazione della capacità del candidato di elaborare un piano di ricerca e della competenza nella materia, e non necessariamente costituirà la linea di ricerca nel corso dei 3 anni in caso di ammissione al corso. La selezione di solito si svolge nel periodo estivo tra luglio e settembre. L’inizio del programma è normalmente fissato per il 1 ottobre di ogni anno, in coincidenza con l’inizio dell’Anno Accademico. Le date della selezione e dell’inizio possono variare secondo indicazioni dell’Ateneo. Per l’accesso non vi sono restrizioni riguardo al tipo di laurea magistrale posseduta. E’ richiesta la certificazione di conoscenza della lingua Inglese con un livello almeno B2 (http://www.unimi.it/ricerca/dottorati/105207.htm).

L’assegnazione ufficiale del dottorando al tutor avviene durante una riunione tra neo-dottorandi e il coordinatore all’inizio del corso. Tale assegnazione tiene conto del tipo di progetto presentato, dei desideri e delle attitudini del dottorando, e della disponibilità del tutor a seguire il dottorando per 3 anni.

Il dottorando potrà svolgere parte della propria attività di ricerca presso una istituzione italiana o estera, previa stipula di un accordo con il dottorato e approvazione del Collegio dei Docenti. La durata di tale periodo non potrà superare i 18 mesi. Durante la permanenza all’estero, il dottorando percepisce una borsa maggiorata del 50%.

La formazione comprende una serie di corsi e seminari che il dottorando è tenuto a seguire, in parte organizzati dal dottorato (corsi specialistici) e in parte dall’Ateneo (corsi trasversali), per acquisire un totale di almeno 30 crediti formativi universitari (CFU) nei 3 anni. I corsi sono tenuti prevalentemente da docenti facenti parte del Collegio, e in parte da docenti/specialisti provenienti da altri enti/università. Previa approvazione del Collegio, anche la partecipazione attiva a convegni, Journal Club, summer school, corsi di formazione organizzati all’esterno dell’Ateneo, inclusi i corsi seguiti durante una permanenza all’estero, costituisce attività formativa e può essere riconosciuta in forma di CFU.

Il dottorando nel secondo e terzo anno avrà a disposizione un fondo pari al 10% della borsa, da spendere per le proprie necessità di ricerca (missioni, pubblicazioni, reagenti, consumabili, materiale inventariabile (quest’ultimo al termine del dottorato rimane di proprietà dell’Ateneo).

Per ogni informazione specifica si prega di consultare il regolamento del dottorato (http://www.unimi.it/ateneo/normativa/18924.htm) oppure di contattare gli uffici competenti (http://www.unimi.it/ricerca/dottorati/91976.htm).

OBIETTIVI FORMATIVI

Questo dottorato si propone di formare ricercatori di area clinica e biologica, che sappiano sviluppare e utilizzare procedure sperimentali riguardanti la ricerca di base sull’eziopatogenesi delle malattie orali, e quella applicata, per valutare l'efficacia delle terapie. Il dottorato è rivolto prevalentemente agli odontoiatri, ma è aperto anche ad altri laureati come medici, veterinari, biologi, biotecnologi, bioingegneri. La multidisciplinarietà è caratteristica delle scienze odontostomatologiche: sono stati fatti molti progressi grazie alla collaborazione tra ricercatori con diverso background.

La formazione consiste in una didattica specialistica erogata dal dottorato stesso e una didattica trasversale (multidisciplinare) erogata dall’Ateneo. I dottorandi devono acquisire nei 3 anni almeno 30 CFU, di cui almeno 12 CFU di didattica specialistica e 18 CFU di trasversale. Si è stabilito che ogni CFU corrisponde ad un minimo di 5 ore di didattica. La formazione specialistica riguarda le attuali conoscenze e trend di ricerca nei maggiori settori dell'odontoiatria (es. parodontologia, implantologia, ortognatodonzia, microbiologia orale, biomateriali). Inoltre il dottorato fornisce basi di metodologia della ricerca, per progettare e realizzare in modo autonomo ricerche in vitro, su modelli animali, e studi clinici in odontostomatologia. Viene insegnato come cercare, comprendere e interpretare la letteratura scientifica, effettuare revisioni sistematiche e metanalisi, analizzare i dati sperimentali con appropriati metodi statistici, scrivere un report scientifico, pubblicarlo (research writing), o presentarlo a convegni (research presentation, public speaking). La formazione trasversale comprende temi comuni a più dottorati quali la gestione della ricerca, la conoscenza dei sistemi di ricerca e di finanziamento, la preparazione di un progetto di ricerca per partecipare a bandi nazionali ed internazionali; la valorizzazione dei risultati della ricerca e la proprietà intellettuale; le caratteristiche del mondo del lavoro; il perfezionamento linguistico e informatico.

 

Tematiche di ricerca

Le tematiche di ricerca sono disponibili sul sito Internet d’Ateneo alla pagina http://www.unimi.it/ricerca/dottorati/64983.htm 

Durata : 3 anni; Posti 5 – Borse di studio 4 – Università degli Studi di Milano

Coordinatore del corso di dottorato

prof. Massimo Del Fabbro, associato nel settore scientifico-disciplinare MED/28 massimo.delfabbro@unimi.it  

Peso:

17.22 KB

Data di ultima modifica:

07 ottobre 2016
Torna ad inizio pagina